Tempo di Latina

Grazie architetto Cerocchi

Grazie architetto Cerocchi per essere stato la mia risposta a chi, con aria sussiegosa, mi diceva: eh…Latina, a Latina non c’è cultura. Grazie per avermi permesso di rispondere: «Scusa, ma tu sai chi è Riccardo Cerocchi? Sai cos’è il Campus internazionale di musica? Sai che a Latina c’è un architetto vero, di quelli che interpretano la propria vita in chiave estetica e la condividono con il resto del mondo?»

Grazie per i racconti che mi ha regalato ogni volta, sulla storia dei corsi di Sermoneta e del Campus. Potrei elencarli, dall’allievo di Zubin Mehta che arrivò trafelato perché il suo maestro gli aveva quasi ordinato di venire a Sermoneta, a quel giovane musicista che, per pagare il supplemento richiesto dalla compagnia aerea per imbarcare il suo strumento musicale piuttosto ingombrante, era rimasto senza soldi e saltava il pranzo. Finché lei non se ne accorse e gli fece avere immediatamente una borsa di studio.

Grazie per la felicità pura che ho provato in casa sua, quando, insieme ad Antonio Fraioli, registrammo una puntata de “Gli amici della musica”.

Grazie per avermi sempre salutato con affetto. Quando ero la giornalista che arrivava con macchina fotografica e telecamera. E quando non lo ero più.

Grazie architetto per quell’ultimo nostro incontro al Concerto di Capodanno Che ora per me rimarrà indissolubilmente legato alla sua memoria e ogni volta che ascolterò la Marcia di Radetzky penserò a lei e a tutte le volte che ho avuto occasione di ascoltarla dal vivo, proprio qui a Latina, salutando il nuovo anno.

E anche se mi dico che la sua è stata una grande vita che merita di essere ricordata con un sorriso, non riesco a frenare le lacrime.

 

Maria Corsetti

Commenti

Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati
Non sono ancora stati effettuati inserimenti.

IL PATTO DI MISAMBOR

     IL PATTO DI MISAMBOR

Pianeta Terra, anno 12065. Dopo millenni di battaglie tra tecnologici, ambientalisti e religiosi viene firmato il Patto di Misambor grazie al quale l’uomo dovrebbe vivere felice e in pace per l’eternità. Infatti per i primi secoli le cose vanno esattamente così. Ma “eternità” è parola grossa da digerire: per questo motivo nel Patto di Misambor vengono inserite due clausole: la prima, richiesta dagli ambientalisti, esige che comunque sia previsto un ciclo nascita-crescita-maturità-vecchiaia. La seconda, richiesta dai religiosi e ben più complessa, sancisce la possibilità della morte. Qualunque essere umano muore nel momento in cui sulla terra nessuno gli vuole più bene.

Non c’è neanche uno straccio di astronave in questo romanzo ambientato tra diecimila anni, né si va a passeggio tra le stelle e tantomeno tra le scimmie. In fondo l’umanità riesce sempre a superare se stessa.

 

Autore: Maria Corsetti

Titolo: Il Patto di Misambor

Editore: Falco Editore

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 112

Prezzo: 10 euro

Copertina di Lorenzo Moriconi

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Maria Corsetti 04100 LATINA