La castrazione chimica e il cervello dell’uomo

Mi hanno chiesto cosa ne penso della castrazione chimica ai pedofili.

Che, da quanto ho capito, è un po’ come quel chip che si mette ai cani per evitare il taglio dei testicoli, evitando nel contempo che vadano in giro a riprodursi.

Il più elementare dei sillogismi mi permette, considerata la premessa di cui sopra, di dedurre che la castrazione chimica equivale a trattare un uomo (donna no?) pedofilo come un cane in sentor di primavera, con la differenza che nel caso del cane decide il padrone, nel caso dell’umano è su base volontaria per ottenere qualche beneficio in fase di giudizio. Spero di sbagliarmi, di aver capito male. Spero di essere coperta di insulti e di link che mi rimandino alla giusta proposta.

Comunque partendo da queste miei spunti ho risposto: “Ma, forse è meglio ammazzarlo (il pedofilo) perché se la ratio che sta dietro alla castrazione chimica è quella che questa pratica gli impedirà di commettere atti innominabili mi chiedo cosa accadrà una volta svanito l’effetto dal momento che un fine pena deve essere pur previsto”. “Ma no, la pena di morte no!”. E perché no? E perché la castrazione deve essere solo chimica? “Perché inibendo gli ormoni il pedofilo non sarà più in grado di fare certe cose”. Okay, esclusa la penetrazione sarà in grado di fare tutto il resto. Le cose sono due: o è vero che l’uomo (inteso come maschio) ragiona con il cervello che ha tra le gambe e a questo punto impediamo al cervello di pensare oppure consideriamo l’ipotesi che la pedofilia non parte dal cazzo (scusate) ma da un altrove su cui sarà il caso di indagare. Allora gli facciamo l’elettroshock, gli mettiamo la camicia di forza e già che ci siamo anche un po’ di camera a gas.

In questo mondo popolato di psicologi e di avvocati ci vorrebbero più giuristi e studiosi di una scimmia nuda scesa da un albero e messa al cospetto di Dio.

Riflettere anche senza trovare una soluzione, perché davvero una soluzione allo stato attuale non c’è potrebbe essere un inizio.

Commenti

Non sono ancora stati effettuati inserimenti.
Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati

IL PATTO DI MISAMBOR

     IL PATTO DI MISAMBOR

Pianeta Terra, anno 12065. Dopo millenni di battaglie tra tecnologici, ambientalisti e religiosi viene firmato il Patto di Misambor grazie al quale l’uomo dovrebbe vivere felice e in pace per l’eternità. Infatti per i primi secoli le cose vanno esattamente così. Ma “eternità” è parola grossa da digerire: per questo motivo nel Patto di Misambor vengono inserite due clausole: la prima, richiesta dagli ambientalisti, esige che comunque sia previsto un ciclo nascita-crescita-maturità-vecchiaia. La seconda, richiesta dai religiosi e ben più complessa, sancisce la possibilità della morte. Qualunque essere umano muore nel momento in cui sulla terra nessuno gli vuole più bene.

Non c’è neanche uno straccio di astronave in questo romanzo ambientato tra diecimila anni, né si va a passeggio tra le stelle e tantomeno tra le scimmie. In fondo l’umanità riesce sempre a superare se stessa.

 

Autore: Maria Corsetti

Titolo: Il Patto di Misambor

Editore: Falco Editore

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 112

Prezzo: 10 euro

Copertina di Lorenzo Moriconi

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Maria Corsetti 04100 LATINA