Tempo di Latina

Concerto di Capodanno ed è subito 2017

Bello, gradevole, indovinato. E queste non sono novità.

Alla sua trentesima edizione il Concerto di Capodanno di Latina, una vera tradizione del pomeriggio del primo gennaio, si presenta al pubblico nella sala gelata del Teatro D’Annunzio. Ma il freddo non fa alzare nessuno dalle poltrone, in fondo basta mantenere addosso il cappotto, al resto ci pensa la musica. L’Orchestra Roma Classica, diretta dal Maestro Benedetto Montebello, dà il benvenuto al 2017 e tutti sono contenti. Si percepisce dagli applausi, dal tono che hanno. Perché gli applausi hanno un tono, davvero non sono sempre uguali. Qui sono sinceri, fragorosi in maniera schietta dopo ogni brano. Talmente entusiasti che c’è un attimo in cui sta partendo qualcosa fuori tempo, ma rientra subito nelle righe, anche se in certe occasioni è anche bello applaudire a metà.

Finisce il concerto e ad andare fuori dalle convenzioni è l’orchestra che accompagna l’uscita del pubblico con un graditissimo bis della Marcia di Radetzky. E poi i fiori, un bell’addobbo di stelle di Natale, il saluto appropriato del sindaco Damiano Coletta, arrivato puntuale e rimasto fino alla fine, il brindisi con pandoro e datteri nel grande foyer, la presenza di Teresa e Riccardo Cerocchi a ricordare che c’è una Latina che ha fatto tanto e continua a fare.

Un inizio all’insegna dell’estetica a ogni livello.

E, se può intristirmi, ora che ho varcato la metà del secolo, finire catalogata tra gli spettatori più giovani, penso che i ragazzi stavano ancora smaltendo la loro esuberanza di San Silvestro. In fondo è giusto che sia così.

Gli imprenditori? L’ultima parola è per loro perché il concerto viene definito nella brochure “Un ponte tra imprese e musica”. Anche qui non è una novità che Federlazio sostenga l’evento, e che ogni anno lo faccia attraverso una cordata di imprese, ricordate tutti nella brochure. E da lì si può leggere una imprenditoria che va avanti a testa alta, tra crisi e ripensamenti, tra chi ci crede ogni anno, chi inizia a crederci e chi ha smesso di farlo perché forse il malessere è più grande.

 

Commenti

Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati
Non sono ancora stati effettuati inserimenti.

IL PATTO DI MISAMBOR

     IL PATTO DI MISAMBOR

Pianeta Terra, anno 12065. Dopo millenni di battaglie tra tecnologici, ambientalisti e religiosi viene firmato il Patto di Misambor grazie al quale l’uomo dovrebbe vivere felice e in pace per l’eternità. Infatti per i primi secoli le cose vanno esattamente così. Ma “eternità” è parola grossa da digerire: per questo motivo nel Patto di Misambor vengono inserite due clausole: la prima, richiesta dagli ambientalisti, esige che comunque sia previsto un ciclo nascita-crescita-maturità-vecchiaia. La seconda, richiesta dai religiosi e ben più complessa, sancisce la possibilità della morte. Qualunque essere umano muore nel momento in cui sulla terra nessuno gli vuole più bene.

Non c’è neanche uno straccio di astronave in questo romanzo ambientato tra diecimila anni, né si va a passeggio tra le stelle e tantomeno tra le scimmie. In fondo l’umanità riesce sempre a superare se stessa.

 

Autore: Maria Corsetti

Titolo: Il Patto di Misambor

Editore: Falco Editore

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 112

Prezzo: 10 euro

Copertina di Lorenzo Moriconi

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Maria Corsetti 04100 LATINA