La maestra Maria

Se la professoressa Corsetti è un personaggio verosimile, la maestra Maria è una persona verissima. Cioè esiste davvero e ogni mattina dell’anno scolastico raggiunge la scuola dell’infanzia “Aurelio Mariani” di Velletri.

 

La maestra Maria non aveva mai pensato di fare l'insegnante e tanto meno l'insegnante di scuola dell'infanzia. Invece a 47 anni è passata direttamente in ruolo. Come è accaduto tutto questo? È raccontato in maniera fedelissima nel XXX capitolo di FiloLogico, romanzo spicciolo.

 

È un lavoro impegnativo, molto faticoso e che richiede un'attenzione costante.

In compenso dà grandissime soddisfazioni.

 

È grazie alla collega Patrizia Gabrielli, che ha suggerito alla maestra Maria di scrivere le poesie per i bambini, invece di cercarne di già scritte, che dopo un anno di insegnamento la maestra Maria si ritrova con più di qualche testo e una favola inventata insieme ai bambini.

 

Ora la maestra Maria ha deciso di pubblicare tutto sul sito del Romanzo spicciolo. E di pubblicare anche le foto dei lavori che la maestra Patrizia ha eseguito insieme ai bambini e che hanno ispirato i versi della maestra Maria.

 

Queste foto vengono pubblicate con una censura severissima: non apparirà mai infatti il volto di un bambino, neanche, come si usa spesso sulle riviste, “pixelato”. Una scelta che toglie molto ai lavori della maestra Patrizia, non potendo mostrare le varie fasi della realizzazione nella quale i piccoli sono coinvolti. Però per le maestre questa è la scelta più giusta.

 

A proposito di foto: qui sotto ne  riporto una della maestra Maria insieme alle sue colleghe, scattata il giorno in cui la maestra Maria ha sostenuto il colloquio finale dell’anno di prova. È stato un bel giorno, una sorta di ingresso ufficiale in una vita nuova.

 


Le maestre: Stefania, Mariangela, Maria, Patrizia, Arianna e Antonella

Commenti

Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati
Non sono ancora stati effettuati inserimenti.

IL PATTO DI MISAMBOR

     IL PATTO DI MISAMBOR

Pianeta Terra, anno 12065. Dopo millenni di battaglie tra tecnologici, ambientalisti e religiosi viene firmato il Patto di Misambor grazie al quale l’uomo dovrebbe vivere felice e in pace per l’eternità. Infatti per i primi secoli le cose vanno esattamente così. Ma “eternità” è parola grossa da digerire: per questo motivo nel Patto di Misambor vengono inserite due clausole: la prima, richiesta dagli ambientalisti, esige che comunque sia previsto un ciclo nascita-crescita-maturità-vecchiaia. La seconda, richiesta dai religiosi e ben più complessa, sancisce la possibilità della morte. Qualunque essere umano muore nel momento in cui sulla terra nessuno gli vuole più bene.

Non c’è neanche uno straccio di astronave in questo romanzo ambientato tra diecimila anni, né si va a passeggio tra le stelle e tantomeno tra le scimmie. In fondo l’umanità riesce sempre a superare se stessa.

 

Autore: Maria Corsetti

Titolo: Il Patto di Misambor

Editore: Falco Editore

Anno di pubblicazione: 2012

Pagine: 112

Prezzo: 10 euro

Copertina di Lorenzo Moriconi

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Maria Corsetti 04100 LATINA